Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

I pazienti con cirrosi in classe C di Child-Pugh o quelli in classe B con sanguinamento persistente all’endoscopia sono ad alto rischio di fallimento del trattamento e presentano una prognosi non-favo ...


La riattivazione del virus dell'epatite B ( HBV ) è una grave ma evitabile complicazione dell’immunosoppressione. Dovrebbe essere ottenuto da tutti i pazienti che ricevono una terapia intensiva immuno ...


La sindrome metabolica è associata a steatoepatite non-alcolica e a cirrosi criptogenetica, ma non è chiaro se tale sindrome influenzi la gravità dell’epatite B cronica.E’ stato effettuato uno studio ...


I depositi di ferro epatico sono di frequente riscontro nei pazienti affetti da steatoepatite non-alcolica, ma il loro ruolo non è stato ancora definito.Un gruppo di Ricercatori dell’Ospedale San Gius ...


La sindrome di Budd-Chiari primaria è caratterizzata da un blocco dell’efflusso venoso epatico a vari livelli, dalle piccole vene epatiche fino alla vena cava inferiore, in genere causato da trombosi ...


I pazienti con colangite sclerosante primaria sono a rischio di sviluppare colangiocarcinoma e carcinoma colorettale.E’ stato svolto uno studio per valutare il rischio di insorgenza di tumori e la lor ...


Un gruppo di Ricercatori del Centro Ospedaliero Universitario di Bordeaux in Francia, ha utilizzato la classificazione genotipo/fenotipo per analizzare una serie chirurgica di adenomi epatocellulari.Q ...


L’infezione da virus dell’immunodeficienza umana ( HIV ) modifica la storia naturale dell’epatite C cronica, promuovendo una più rapida progressione in cirrosi e malattia epatica allo stadio terminale ...


La steatoepatite ( anche detta malattia del fegato grasso ) non-alcolica può avere diverse caratteristiche istologiche nei bambini e negli adulti, ma sono disponibili limitati dati aggiornati sullo sp ...


La progressione della fibrosi è il principale determinante degli esiti della malattia epatica nell'epatite C cronica, essendo influenzata da fattori ambientali e del paziente.Recentemente, un punteggi ...


L’ipolipidemia associata all’epatite C è stata dimostrata in studi compiuti in Europa e in Africa. In due studi collegati, è stata valutata la relazione tra infezione da epatite C e il trattamento con ...


Lo sviluppo di colangite sclerosante viene osservato nel 50% dei bambini seguiti per l'epatite autoimmune. Negli adulti, la prevalenza è meno conosciuta, anche se uno studio ha trovato prove di colang ...


La malattia del fegato grasso non-alcolico, detta anche steatosi epatica non-alcolica, caratterizzata da aumento degli enzimi epatici, obesità centrale, e insulino-resistenza, è sempre più diffusa. Un ...


I profili metabolici correlano con l’infezione da virus dell’epatite C ( HCV ) e sono predittori delle risposte virologiche in pazienti con epatite C cronica trattati con terapie a base di Interferone ...


I virus dell’epatite B ( HBV ) e dell’epatite C ( HCV ) sono i principali fattori di rischio per il carcinoma epatocellulare.L’associazione del diabete mellito con il carcinoma epatocellulare suggeris ...



MedTv
Mediexplorer.it
MedFocus
OncoBase.it
Immunoterapia Oncologica
Xapedia.it
Nuovi farmaci in oncologia
Biomedicina.it