Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Lo spettro istologico della steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ) comprende la steatosi epatica ( NAFL ) e la steatoepatite ( NASH ), che possono progredire a cirrosi fino al 20% dei pazienti con NA ...


Il trapianto di fegato di salvataggio ( SLT ), curativo, è stato concepito per pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) inizialmente resecabile e trapiantabile, per cercare di evitare il trapiant ...


Le concentrazioni plasmatiche di aminoacidi, in particolare gli aminoaciti a catena ramificata ( BCAA ), risultano spesso aumentate nella malattia del fegato grasso non-alcolico ( NAFLD; steatosi epat ...


L'impatto dell'infezione da virus dell'epatite B ( infezione da HBV ) sugli esiti dopo resezione del colangiocarcinoma intraepatico non è stato riportato. Uno studio ha esaminato l'impatto della te ...


Le principali fasi della cirrosi ( compensata e scompensata ) sono state sotto-stadiate in base alle caratteristiche cliniche, endoscopiche e di pressione portale ( determinata dalle caratteristiche d ...


È stato dimostrato che il posizionamento di uno stent a irradiazione offre pervietà e più lunga sopravvivenza rispetto a uno stent metallico nudo autoespandibile ( SEMS ) in pazienti con ostruzione bi ...


Esistono dati limitati sull'associazione tra la malattia del fegato grasso non-alcolico, anche nota come steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ) e l'aterosclerosi coronarica subclinica. È stata stud ...


Precedenti studi hanno riportato un'alta frequenza di carcinoma epatocellulare ( HCC ) nei pazienti con malattia epatica avanzata, dopo aver ricevuto la terapia senza Interferone ( IFN ) per l'infezio ...


L'avvento di antivirali ad azione diretta ( DAA ) ha portato a obiettivi ambiziosi per l'eliminazione del virus dell'epatite C ( HCV ). Tuttavia, nel contesto del disturbo da abuso di alcol, la capac ...


Il Baveno VI Consensus Meeting ha concluso che uno shunt portosistemico intraepatico transgiugulare ( TIPS ) deve essere considerato nei pazienti ad alto rischio con cirrosi, con sanguinamento da vari ...


La sindrome di Gilbert è un disturbo comune ereditario del metabolismo della bilirubina, caratterizzato da lieve iperbilirubinemia non-coniugata. L'effetto della sindrome di Gilbert sul comportament ...


La malattia cardiovascolare nei pazienti con steatosi epatica non-alcolica è risultata essere associata a tradizionali fattori di rischio cardiovascolari, ma anche a fattori non-tradizionali come l'au ...


La prognosi dei pazienti non-trattati con carcinoma epatocellulare è eterogenea, e i dati di sopravvivenza sono stati principalmente ottenuti da bracci di controllo di studi randomizzati. È stata ...


Il virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) e la coinfezione da virus dell'epatite amplificano e accelerano il danno epatico. I microRNA ( miRNA ) sono piccoli RNA regolatori suggeriti come biomarc ...


È stata confrontata l'efficacia della chemioembolizzazione transarteriosa ( TACE ) e della ablazione con radiofrequenza ( RFA ) per il trattamento di carcinomi epatocellulari ( HCC ) di piccole dimens ...