Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Recidiva virale dopo Interferone e Ribavirina in pazienti co-infettati con il virus HIV e HCV


Una risposta virologica sostenuta ( SVR ) dopo la terapia con Interferone - Ribavirina ( IF-RB ) riduce le complicanze epato-correlate e la mortalità nei pazienti co-infettati con HIV e HCV.
È stato valutato l'impatto della risposta di fine trattamento con successiva ricaduta sugli eventi epato-correlati ( morte epato-correlata, scompenso epatico, carcinoma epatocellulare, o trapianto di fegato ) e sulla rigidità del fegato mediante elastografia transitoria.

È stata analizzata la coorte GESIDA 3603 ( pazienti con infezione da HIV e da HCV trattati con la combinazione Interferone - Ribavirina in 19 Centri in Spagna ).

La risposta a Interferone - Ribavirina è stata classificata come risposta virologica sostenuta, risposta di fine trattamento con successiva ricaduta, e nessuna risposta.

Lo studio è iniziato quando il trattamento con Interferone - Ribavirina è stato interrotto e si è concluso con la morte o l'ultima visita di follow-up.

Le analisi sono state aggiustate per età, sesso, categoria di trasmissione di HIV, categoria clinica CDC, nadir di CD4+, genotipo di HCV, carica virale di HCV-RNA e fibrosi epatica.

Tra i 1.599 pazienti inclusi, la risposta è stata categorizzata come nessuna risposta in 765, risposta di fine trattamento con successiva ricaduta in 250, e risposta virologica sostenuta in 584.

Il follow-up medio è stato superiore a 4 anni in ciascun gruppo.

Prendendo come riferimento il gruppo di pazienti con nessuna risposta, si è scoperto che l'hazard ratio ( HR ) di eventi epato-correlati ( morte correlata al fegato, scompenso epatico, carcinoma epatocellulare, trapianto di fegato ) per i pazienti con risposta di fine trattamento con successiva ricaduta e per i pazienti con risposta virologica sostenuta erano, rispettivamente, pari a 0.17 e a 0.03.

La risposta virologica sostenuta, inoltre, è stata seguita da meno rigidità del fegato rispetto alla risposta di fine trattamento con successiva ricaduta e a nessuna risposta.
Tuttavia, la risposta di fine trattamento con successiva ricaduta è stata associata a più ridotta rigidità epatica rispetto a nessuna risposta.

In conclusione, i migliori risultati sono stati ottenuti con una risposta virologica sostenuta.
Tuttavia, la risposta di fine trattamento con successiva ricaduta è stata associata a minore mortalità correlata al fegato, scompenso e rigidità epatica rispetto a nessuna risposta. ( Xagena2013 )

Berenguer J et al, J Hepatol 2013; 58: 6: 1104-1112

Gastro2013 Inf2013 Farma2013


Indietro