Colifagina S
Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Radioembolizzazione più chemioterapia per il trattamento di prima linea del colangiocarcinoma intraepatico localmente avanzato


I pazienti con colangiocarcinoma intraepatico non-resecabile hanno una prognosi sfavorevole.
La radioterapia interna selettiva ( SIRT ) è un'opzione di trattamento promettente per i tumori epatici, ma secondo l’attuale conoscenza non sono stati pubblicati studi prospettici sulla combinazione di radioterapia SIRT e chemioterapia.

È stato determinato il tasso di risposta dopo radioterapia SIRT combinata con chemioterapia nei pazienti con colangiocarcinoma intraepatico non-resecabile nello studio clinico di fase 2 MISPHEC ( Yttrium-90 Microspheres in Cholangiocarcinoma ), che ha incluso pazienti con colangiocarcinoma intraepatico non-resecabile che non hanno mai ricevuto chemioterapia o terapia intra-arteriosa, trattati in 7 centri con esperienza di radioterapia SIRT tra il 2013 e il 2016.

È stata somministrata chemioterapia concomitante di prima linea con Cisplatino 25 mg/m2 e Gemcitabina 1.000 mg/m2 ( Gemcitabina ridotta a 300 mg/m2 per i cicli immediatamente prima e dopo SIRT ), nei giorni 1 e 8 di un ciclo di 21 giorni per 8 cicli.

La radioterapia interna selettiva è stata somministrata durante il ciclo 1 ( malattia di un emifegato ) o i cicli 1 e 3 ( malattia che coinvolgeva entrambi gli emifegati ) utilizzando microsfere di vetro con Y90 ( Ittrio-90 ).

L’esito principale era il tasso di risposta a 3 mesi secondo i criteri RECIST versione 1.1 di valutazione della risposta nei tumori solidi.
Gli endpoint secondari erano effetti tossici, sopravvivenza libera da progressione, sopravvivenza globale, tasso di controllo della malattia e tasso di risposta secondo i criteri Choi.

Dei 41 pazienti inclusi nello studio, 26 ( 63% ) erano maschi, con un'età media di 64.0 anni.

Il tasso di risposta secondo RECIST è stato del 39% a 3 mesi secondo la revisione locale ed è stato confermato al 41% come migliore risposta alla revisione centrale; il tasso di controllo della malattia è stato del 98%.
Secondo i criteri Choi, il tasso di risposta è stato del 93%.

Dopo un follow-up mediano di 36 mesi, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 14 mesi, con tassi di sopravvivenza libera da progressione del 55% a 12 mesi e del 30% a 24 mesi.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 22 mesi, con tassi di sopravvivenza globale del 75% a 12 mesi e del 45% a 24 mesi.

Dei 41 pazienti, 29 ( 71% ) hanno presentato effetti tossici di grado 3-4; 9 pazienti ( 22% ) hanno potuto essere sottoposti a downstage all'intervento chirurgico, con 8 ( 20% ) che hanno raggiunto la resezione chirurgica R0 ( margini liberi dalla microscopia ).

Dopo una mediana di 46 mesi dopo l'intervento chirurgico, la sopravvivenza libera da recidiva mediana non è stata raggiunta tra i pazienti sottoposti a resezione.

La chemioterapia e la radioterapia interna selettiva combinate hanno mostrato attività antitumorale come trattamento di prima linea del colangiocarcinoma intraepatico non-resecabile e una percentuale significativa di pazienti è stata sottoposta a downstage al momento dell'intervento chirurgico. ( Xagena2020 )

Edeline J et al, JAMA Oncol 2020; 6: 51-59

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro