Colifagina S
Gastrobase.it
Xagena Mappa
Gastroenterologia Xagena

Nivolumab per i pazienti con tumore del tratto biliare refrattario avanzato


Attualmente, non esiste un trattamento sistemico di seconda linea stabilito per il tumore delle vie biliari ( BTC ).
I dati preclinici hanno dimostrato che la presenza di cellule T CD8 infiltranti il ​​tumore e cellule tumorali che esprimono PD-L1 nel microambiente tumorale del cancro delle vie biliari supporta l'utilizzo dell'immunoterapia con blocco di PD-1 in questo tumore.

È stata valutata l'attività antitumorale di Nivolumab ( Opdivo ) nei pazienti con tumore delle vie biliari refrattario avanzato in uno studio multicentrico di fase 2 a singolo gruppo di Nivolumab.
Tra il 2016 e il 2018 sono stati arruolati 54 pazienti con tumore delle vie biliari, confermato istologicamente, la cui malattia è progredita durante il trattamento con almeno 1 linea ma non più di 3 linee di terapia sistemica.

Nivolumab 240 mg è stato somministrato per via endovenosa ogni 2 settimane per 16 settimane, quindi 480 mg sono stati somministrati per via endovenosa ogni 4 settimane fino a progressione della malattia o effetti tossici inaccettabili.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e l'incidenza di eventi avversi.

Sono stati arruolati 54 pazienti ( 27 uomini e 27 donne; età media, 65 anni ) e 46 ( 22 uomini e 24 donne; età mediana, 65 anni ) sono stati esaminati per la risposta obiettiva con l'imaging radiologico.

Il tasso di risposta obiettiva valutato dallo sperimentatore è stato del 22% ( 10 su 46 ), inclusa 1 risposta parziale ( PR ) non-confermata, con un tasso di controllo della malattia ( DCR ) del 59% ( 27 su 46 ).
La revisione centrale indipendente ha rilevato un tasso di risposta obiettiva dell'11% ( 5 su 46 ), inclusa 1 risposta parziale non-confermata, con un tasso di controllo della malattia del 50% ( 23 su 46 ).

Tutti i pazienti che hanno risposto al trattamento presentavano tumori con conservata espressione delle proteine di riparazione del mismatch.

La durata mediana della risposta ( DOR ) valutata dallo sperimentatore non è stata raggiunta, con un follow-up mediano di 12.4 mesi.

Nella popolazione intent-to-treat, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 3.68 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 14.24 mesi.

L'espressione di PD-L1 nei tumori è stata associata a una sopravvivenza libera da progressione prolungata ( hazard ratio, HR=0.23; P minore di 0.001 ).

Gli effetti tossici di grado 3 o 4 correlati al trattamento più comuni sono stati iponatriemia ( 3 su 54, 6% ) e aumento della fosfatasi alcalina ( 2 su 54, 4% ).

Questo studio ha rilevato che Nivolumab è risultato ben tollerato e ha mostrato un'efficacia modesta con una risposta duratura nei pazienti con carcinoma delle vie biliari refrattario.
Sono necessari ulteriori studi per verificare i risultati e valutare i biomarcatori per una migliore selezione del trattamento. ( Xagena2020 )

Kim RD et al, JAMA Oncol 2020; 6: 888-894

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro