Colifagina S
Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Nanoparticelle caricate con Doxorubicina per pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato dopo fallimento del trattamento con Sorafenib: studio RELIVE


La chemioterapia citotossica è generalmente inefficace nei pazienti con carcinoma epatocellulare.
È stata valutata la perfusione endovenosa di nanoparticelle caricate con Doxorubicina nei pazienti con carcinoma epatocellulare in cui la precedente terapia con Sorafenib ( Nexavar ) era fallita.

È stato condotto uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato, controllato di fase 3 in 70 centri in 11 Paesi.
Pazienti con epatocarcinoma con uno o più precedenti terapie sistemiche, incluso Sorafenib, sono stati randomizzati a ricevere 30 mg/m2 di nanoparticelle caricate con Doxorubicina ( gruppo 30 mg/m2 ), 20 mg/m2 di nanoparticelle caricate con Doxorubicina ( gruppo 20 mg/m2 ) o cure standard stratificando per regione geografica.

I pazienti nei gruppi sperimentali hanno ricevuto la perfusione del farmaco ogni 4 settimane e quelli nel gruppo di controllo hanno ricevuto qualsiasi terapia antitumorale sistemica ( tranne Sorafenib ) secondo la decisione dello sperimentatore.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata nella popolazione di pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento assegnato.

Tra il 2012 e il 2017, 397 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei gruppi ( 133 nel gruppo 30 mg/m2; 130 nel gruppo 20 mg/m2; e 134 nel gruppo di controllo ).
Il follow-up mediano è stato di 22.7 mesi.

Dopo aver aggregato i dati dei gruppi di Doxorubicina per l'analisi di efficacia, la sopravvivenza globale mediana è stata di 9.1 mesi nel gruppo nanoparticelle caricate con Doxorubicina e 9.0 mesi nel gruppo di controllo ( hazard ratio, HR 1.00, P=0.99 ).

227 pazienti su 242 ( 94% ) che hanno ricevuto nanoparticelle caricate con Doxorubicina e 100 su 134 pazienti ( 75% ) nel gruppo di controllo hanno presentato almeno un evento avverso emergente dal trattamento.

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento di grado 3 o 4 sono stati la neutropenia ( 25 su 242 pazienti, 10%, trattati con nanoparticelle caricate con Doxorubicina e 8 su 134, 6%, nel gruppo di controllo ), astenia ( 6, 2%, e 4, 3% ), e trombocitopenia ( 3, 1%, e 10, 7% ).
6 pazienti ( 2% ) trattati con nanoparticelle caricate con Doxorubicina e 1 ( 1% ) nel gruppo di controllo sono deceduti e il decesso è stato considerato correlato al farmaco.
Eventi avversi gravi si sono verificati in 74 pazienti ( 31% ) che hanno ricevuto nanoparticelle caricate con Doxorubicina e 48 ( 36% ) nel gruppo di controllo.

Le nanoparticelle caricate con Doxorubicina non hanno migliorato la sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma epatocellulare in cui il precedente trattamento con Sorafenib era fallito. ( Xagena2019 )

Merle P et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2019; 4: 454-465

Gastro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro