Colifagina S
Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

La Terlipressina migliora la funzione renale nella sindrome epatorenale


Uno studio ha dimostrato che la Terlipressina ( Glipressina ) è efficace per migliorare la funzionalità renale nei pazienti ospedalizzati con sindrome epatorenale di tipo 1.

La lesione renale acuta è una complicazione della malattia epatica avanzata, che si verifica in circa il 3.23% dei pazienti adulti ospedalizzati con malattia epatica cronica inclusa la cirrosi.
La sindrome epatorenale è un tipo di lesione renale acuta funzionale che deriva dall'ipertensione portale con conseguente riduzione del volume arterioso circolante efficace e dalla vasocostrizione renale.

E' stata condotta una revisione delle cartelle cliniche di 225 pazienti ospedalizzati che hanno manifestato un episodio di sindrome epatorenale da lesione renale acuta nel periodo 2013-2017.
Tutti i pazienti avevano creatinina sierica superiore a 1.5 mg/dL e sono stati trattati con un vasocostrittore ( 203 trattati con Terlipressina per una mediana di 6 giorni; valori medi di creatinina sierica all'inizio del vasopressore, 3.25 mg/dL ).

L'endpoint primario dello studio era rappresentato dal miglioramento della funzionalità renale, che è stata ulteriormente classificata come risposta completa ( creatinina sierica migliorata a 1.5 mg/dL ), risposta parziale ( riduzione della creatinina sierica del 20% ma superiore a 1.5 mg/dL ) e risposta globale ( risposta completa o parziale ).

Nel complesso, è stato evidenziato che il tasso di risposta alla Terlipressina era del 73%, con una risposta più elevata osservata nei soggetti con lieve lesione renale acuta ( definita come creatinina sierica al basale inferiore a 2.25 mg/dL ) rispetto a quelli con lesione renale acuta da moderata a grave.

È stato anche determinato che i pazienti che assumevano Terlipressina avevano maggiori probabilità di ottenere una risposta completa rispetto ai pazienti con altri vasopressori ( 50% vs 23% ).

Riguardo ai tassi di sopravvivenza, la sopravvivenza a 90 giorni è stata dell'86% per tutti i pazienti ( 93% per i responder complessivi contro il 66% per i non-responder al trattamento ).

Gli eventi avversi dovuti alla Terlipressina si sono verificati nel 25% dei pazienti contro il 41% di quelli trattati con altri vasopressori.
Gli eventi avversi più comunemente riportati sono stati sovraccarico di liquidi / edema polmonare e insufficienza multiorgano.

La lesione renale acuta grave è stata associata a tassi più elevati di eventi avversi. ( Xagena2020 )

Fonte: Alimentary Pharmacology & Therapeutics, 2020

Gastro2020 Nefro2020 Farma2020


Indietro