Colifagina S
Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Immunoterapia combinata di Nivolumab e Ipilimumab nei pazienti con tumore del tratto biliare avanzato


I tumori delle vie biliari rappresentano un raro gruppo di condizioni maligne con opzioni di trattamento molto limitate. I pazienti con malattia avanzata hanno un esito sfavorevole con le attuali terapie.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza dell'immunoterapia di combinazione con Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) nei pazienti con tumori avanzati delle vie biliari.

Lo studio clinico prospettico multicentrico di fase 2 non-randomizzato CA209-538 ha incluso pazienti con tumori rari avanzati, inclusi pazienti con tumori delle vie biliari.
Una analisi di sottogruppo ha valutato 39 pazienti da CA209-538 con tumori delle vie biliari arruolati tra il 2017 e il 2019.
La maggior parte dei pazienti ( n=33 ) aveva presentato progressione della malattia dopo una o più linee di terapia e aveva tessuto tumorale disponibile per la ricerca dei biomarcatori.

I pazienti hanno ricevuto il trattamento con Nivolumab alla dose di 3 mg/kg e Ipilimumab a 1 mg/kg ogni 3 settimane per 4 dosi, seguito da Nivolumab 3 mg/kg ogni 2 settimane, continuato per un massimo di 96 settimane fino a progressione della malattia o sviluppo di eventi tossici inaccettabili.

L'endpoint primario era il tasso di controllo della malattia ( remissione completa, remissione parziale o malattia stabile ) secondo i criteri RECIST 1.1.

Tra i 39 pazienti inclusi in questa analisi di sottogruppo di uno studio clinico di fase 2 ( 20 uomini, 19 donne; età media 65 anni ), il tasso di risposta obiettiva è stato del 23% ( n=9 ) con un tasso di controllo della malattia del 44% ( n=17 ); tutti i responder avevano ricevuto una precedente chemioterapia e nessuno aveva un tumore con instabilità dei microsatelliti.

Le risposte sono state osservate esclusivamente nei pazienti con colangiocarcinoma intraepatico e carcinoma della colecisti.
La durata mediana della risposta non è stata raggiunta ( range, da 2.5 a 23 mesi e oltre ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.9 mesi e la sopravvivenza globale è stata di 5.7 mesi.

Eventi tossici immuno-correlati sono stati riportati nel 49% dei pazienti ( n=19 ), con il 15% ( n=6 ) che ha manifestato eventi di grado 3 o 4.

Questa analisi di sottogruppo di uno studio clinico di fase 2 ha rilevato che l'immunoterapia di combinazione con Nivolumab e Ipilimumab è associata a esiti positivi sostanziali nei pazienti con tumori avanzati delle vie biliari.

Questo trattamento si confronta favorevolmente con la terapia a singolo agente anti-PD-1 e richiede ulteriori indagini.
La ricerca traslazionale in corso si concentra sull'identificazione di biomarcatori in grado di prevedere la risposta al trattamento. ( Xagena2020 )

Klein O et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1405-1409

Onco2020 Gastro2020 Farma2020


Indietro