Colifagina S
Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Acido Obeticolico per il trattamento della steatoepatite non-alcolica


La steatoepatite non-alcolica ( NASH ) è un tipo comune di malattia epatica cronica che può portare alla cirrosi.
L'Acido Obeticolico ( Ocaliva ), un agonista del recettore farnesoide X, ha dimostrato di migliorare le caratteristiche istologiche della NASH.

Sono stati riportati i risultati di una analisi provvisoria pianificata di uno studio in corso di fase 3 sull'Acido Obeticolico per la NASH.

In questo studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, pazienti adulti con NASH definita, punteggio di attività della malattia della steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD; fegato grasso non-alcolico ) di almeno 4 e stadi di fibrosi F2-F3 o F1 con almeno una comorbilità di accompagnamento, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere per via orale placebo, Acido Obeticolico 10 mg o Acido Obeticolico 25 mg al giorno.
I pazienti sono stati esclusi in presenza di cirrosi, altre patologie epatiche croniche, elevato consumo di alcol o condizioni di confondimento.

Gli endpoint primari per l'analisi provvisoria al mese 18 erano il miglioramento della fibrosi ( 1 o più stadi ) senza peggioramento della NASH o la risoluzione della NASH senza peggioramento della fibrosi, con lo studio considerato riuscito se uno dei due endpoint primari era raggiunto.
Le analisi primarie sono state condotte per intention-to-treat, in pazienti con fibrosi in stadio F2-F3 che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento e hanno raggiunto o avrebbero raggiunto la visita al mese 18 entro la data limite stabilita per l'analisi provvisoria.

Lo studio ha anche valutato altri marcatori istologici e biochimici di NASH e fibrosi, e la sicurezza. Tra il 2015 e il 2018, 1.968 pazienti con fibrosi in stadio F1-F3 sono stati arruolati e hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio; 931 pazienti con fibrosi allo stadio F2-F3 sono stati inclusi nell'analisi primaria ( 311 nel gruppo placebo, 312 nel gruppo 10 mg di Acido Obeticolico e 308 nel gruppo 25 mg di Acido Obeticolico ).

L'endpoint di miglioramento della fibrosi è stato raggiunto da 37 pazienti ( 12% ) nel gruppo placebo, 55 ( 18% ) nel gruppo 10 mg di Acido Obeticolico ( P=0.045 ) e 71 ( 23% ) nel gruppo 25 mg di Acido Obeticolico ( P=0.0002 ).

L'endpoint di risoluzione della NASH non è stato raggiunto ( 25 pazienti nel gruppo placebo, 8%, 35 nel gruppo 10 mg di Acido Obeticolico, 11%, P=0.18, e 36 nel gruppo 25 mg di Acido Obeticolico, 12%, P=0.13 ).

Nella popolazione di sicurezza ( 1.968 pazienti con stadi della fibrosi da F1 a F3 ), l'evento avverso più comune è stato il prurito ( 123, 19%, nel gruppo placebo, 183, 28%, nel gruppo 10 mg di Acido Obeticolico e 336, 51%, nel gruppo 25 mg di Acido Obeticolico ); l'incidenza è stata generalmente di gravità da lieve a moderata.

Il profilo di sicurezza generale è stato simile a quello degli studi precedenti e l'incidenza di eventi avversi gravi era simile tra i gruppi di trattamento ( 75 pazienti, 11%, nel gruppo placebo, 72, 11%, nel gruppo 10 mg di Acido Obeticolico e 93, 14%, nel gruppo 25 mg di Acido Obeticolico ).

L'Acido Obeticolico 25 mg ha migliorato significativamente la fibrosi e i componenti chiave dell'attività della malattia da NASH tra i pazienti con NASH.
I risultati di questa analisi intermedia pianificata hanno mostrato un miglioramento istologico clinicamente significativo che probabilmente prevede un beneficio clinico.
Lo studio è in corso per valutare gli esiti clinici. ( Xagena2019 )

Younossi ZM et al, Lancet 2019; 394: 2184-2196

Gastro2019 Farma2019


Indietro